Sidro di mele

Sidro di mele: il vino di mele, o sidro, così come è conosciuto fin dal Medioevo dalle popolazioni della Normandia, Bretagna, Regno Unito, Asturie e Paesi Baschi, è una delle bevande alcoliche dalla storia più antica e affascinante che l’uomo possa ricordare.

E’ una bevanda acidula e poco frizzante, con un basso contenuto alcolico (3-6%) con un profumo fruttato, e si abbina ai formaggi freschi e maturi.
Se servito freddo, può diventare un piacevole aperitivo ed anche un particolare “spumantino” da dessert per accompagnare le torte di frutta o le castagne.
In inverno si può consumare in versione brulé, scaldandone un litro insieme ad un’arancia tagliata a fette, a cinque chiodi di garofano ed a una stecca di cannella.. Viene consumato freddo, e può diventare un aperitivo ed anche uno “spumantino” per le torte, oppure caldo, come un vin brulé, scaldato con 1 arancia a fette, 5 chiodi di garofano ed una stecca di cannella.

Le Mele:

  • Red Delicious : mela rossa dal sapore dolce
  • Yellow Delicious : grande e gialla con un sapore dolce
  • Jonathon :è una mela di dimensione media rossa e croccante, dalla polpa sugosa e zuccherosa
  • Granny Smith : è piuttosto piccola e croccante, di color verde
  • Gala : di garndezza media, croccante e dalla polpa sugosa, ha colore giallo-rosso o aranciato
  • Cotogne: giallo scuro dalla polpa farinosa
  • Potete comunque optare per il succo di mela già pronto, ma dovrete scegliere un tipo senza zucchero aggiunto. In questo caso dovete semplicemente versare il succo in un bottiglione per la fermentazione e unire il lievito. Dopo almeno 15 giorni il sidro può essere già imbottigliato e consumato anche subito. Se si continua la fermentazione, il sidro sarà più frizzante.

Il Lievito

schermata-2016-12-16-alle-09-14-57Selezionate le varietà di mela, parliamo del lievito, che ha la funzione di trasformare gli zuccheri in alcol (trasformazione anaerobica). Utilizzate un lievito secco specifico per sidro, ma un ottima alternativa è il  lievito di birra (saccharomyces cerevisiae) in versione secca, oppure un lievito da vino bianco che si trova in un negozio di prodotti enologici (specificate che volete fare del sidro). Comunque, qualsiasi lievito utilizziate, liquido o secco, ricordatevi che va conservato in frigo se non lo usate subito.

Lo Zucchero

La quantità di zucchero aggiunto farà variare la gradazione alcolica del vostro sidro, dunque prima dell’inizio della fermentazione potete già decidere se volete una bevanda poco alcolica. Variando le combinazioni di lievito e zucchero portano anche ad un sidro con corpo e gusto che variano. Considerate:

  • niente zucchero aggiunto equivale ad un sidro con 5% di alcol
  • 200 gr di zucchero aggiunto equivale ad un sidro con 8% di alcol
  • 400 gr di zucchero aggiunto equivale ad un sidro con 12% di alcol

Attrezzatura

schermata-2016-12-16-alle-09-14-38ccb8b6_bd23796a581747dda866098b6d726cae~mv2.jpg_256schermata-2016-12-16-alle-09-08-32

Sono utili alcuni strumenti come un gorgogliatore (una valvola per far uscire l’anidride carbonica ma non entrare l’ossigeno durante la fermentazione) e un densimetro (strumento di controllo della densità saccarometrica del mosto detta anche og, original gravity).

Ricetta:

Ecco gli ingredienti per una bottiglia da 75 ml di sidro mediamente alcolico (potete dunque diminuire lo zucchero in funzione della quantità di alcol che desiderate ottenere) vi servono:

  • 2 kg di mele biologiche
  • 13 gr di lievito secco di birra (l’equivalente di 1/2 panetto) oppure del lievito per vino bianco
  • una punta (1 gr) di acido ascorbico (lo trovate in erboristeria) o il succo di 1 limone (per correggere l’acidità e non fare annerire la frutta)
  • 150 ml di acqua
  • 230 gr di zucchero di canna
  • bottiglione da 5 l munito di tappo gorgogliatore (per far uscire l’anidride carbonica senza far entrare l’aria)

Per prima cosa bisogna lavare bene le mele ma non togliete la buccia, perché contiene i lieviti. Tagliatele a spicchi ed eliminate il torsolo, meglio farle riposare per almeno 6 ore. Poi frullatele fino a che non avranno una consistenza di purea e filtrate attraverso un colino a maglie fini, anche un telo di cotone andrà benissimo. Potete conservare fino a 2 settimane questa polpa in frigo ad almeno 5°. Ottenuta la purea aggiungete una punta di coltello di acido ascorbico o il succo di limone e mescolate tempestivamente prima che la frutta scurisca.

Ora passate al lievito. In una bottiglia richiudibile con tappo di sughero, sciogliete il lievito nell’acqua tiepida (a 28-30°) o in alternativa alla stessa quantità di  succo di mela, e aggiungete 30 gr di zucchero.  Agitate per bene per 20 minuti e attendete un’ora.  Lo starter deve fermentare e il liquido sarà aumentato di volume; ci devono essere delle bolle, segno che il lievito si è attivato. Potete aprirlo e chiuderlo parzialmente e far continuare la lievitazione anche fino a 5 ore.

Ora fate cuocere la purea di mele per pastorizzarla, non deve bollire! ma arrivare a circa 85° e cuocere per 45 minuti e poi aggiungete lo zucchero rimanente mescolando perché si sciolga. Versate con un imbuto il vostro mosto in un bottiglione che deve essere già sterilizzato con il metabisolfito di potassio, che chiuderete con l’apposito tappo colmatore. E la fermentazione avrà inizio!

jugsadulteratedIl composto dovrà riposare per 2 settimane nel bottiglione in un luogo piuttosto caldo (intorno ai 20-25°) altrimenti la fermentazione si bloccherà. Occorre agitarlo una volta al giorno per rimescolare la purea ed evitare depositi. Se volete fare le cose per bene, occorre seguire la fermentazione. Bisogna continuare a sorvegliare la bevanda con il densimetro per controllare il grado di densità dello zucchero raggiunto e stoppare così la fermentazione. Aiutatevi con questa tabella.

Tipo di sidro densità
Molto spumoso e dolce 1,020
Abbastanza spumoso e dolce 1,018
Frizzante e semisecco 1,012
Poco frizzante e secco 1,005

Procedete con la fase finale dell’imbottigliamento filtrando il sidro della feccia che si è depositata nel fondo e, qualora lo desideriate, aggiungendo 2 cucchiaini di zucchero per renderlo più dolce e frizzante. Se il sidro dovesse risultare più torbido del previsto, è possibile filtrarlo una seconda o terza volta. Ci vogliono almeno 3 mesi di maturazione per rendere il sidro alcolico al punto giusto, ma tenete conto che il liquido si schiarisce naturalmente nel tempo.

… Salute !!!

Tutta l’ attrezzatura per la piccola o grande produzione potrai trovarla comodamente sul nostro sito o nel nostro punto vendita..

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: