IGA … Italian Grape Ale

E’ arrivato il momento di parlare di IGA !!!  Molti appassionati di birra e non, si domanderanno di cosa si tratta questo acronimo e di che genere di birra stiamo parlando.

Non è un tipo di birra ma è uno stile di birra vero e proprio, al 100% Italiano… E’ nato e viene prodotto solamante in italia è rientra addirittura nella famosa Beer Judge Certfication Program 2015. 

Le IGA sono un connubio tra la nuova cultura birraia italiana e la vecchia cultura enologica radicata da secoli nella nostra penisola. Queste birre infatti sono un insieme di mosto d’orzo e mosto d’uva con una proporzione bilanciata di entrambi.

Ma vediamo ora come vengono classificate e descritte dal BJCP 

UnknownPosizionamento suggerito di stile: Categoria 29 (Birra di frutta)
Impressione generale: Una birra italiana talvolta rinfrescante e talvolta più complessa caratterizzata da varie varietà di uve.
Profumo: Le caratteristiche aromatiche di una particolare uva devono essere evidenti, ma non dovrebbero sopraffare gli altri aromi. Il carattere dell’uva / vino dovrebbe essere piacevole e non dovrebbe avere difetti come l’ossidazione. Il carattere del malto è di solito frenato, mentre l’aroma del luppolo può variare da medio basso a quello assente. Alcuni esempi possono avere un carattere selvatico basso o moderatamente basso descritto come barnyard, terroso, caprino, ma non dovrebbe essere così intenso come in un lambic . Nessun presenzza di diacetile.
Aspetto: Il colore può variare dall’oro al marrone scuro. Il colore rossastro / rubino è di solito dovuto all’utilizzo di varietà di uva rossa. Bianco alla testa rossastra con generalmente una ritenzione media bassa. La chiarezza è generalmente buona, ma può essere influenzata dall’uso dell’uva.
Sapore: Molte interpretazioni sono possibili. Come per l’aroma, il carattere dell’uva (mosto o vino) deve essere presente, ma può variare da sottile a medio intensità. Le varietà di uva possono contribuire in modo diverso al profilo del sapore: in generale i sapori di frutta tropicale (pesca, albicocca, ananas) possono provenire da uve bianche e sapori di frutta rossa (ad esempio, ciliegia, fragola) dalle varietà di uve rosse. Altro carattere fruttato di origine fermentativa è anche comune. Possono essere utilizzati diversi tipi di malto speciali, ma devono essere sostenitori ed equilibrati, non tanto importanti da sovrastare la birra base. Il carattere di cioccolato arrostito e / o forte è inopportuno. Alcune note acide sono comuni e possono contribuire a migliorare la bevibilità ma non devono essere prominenti come nella birra fiamminga / Lambic. I sapori di quercia, insieme a alcune note barnyard, terrosi, capricciose, provenienti dall’invecchiamento in barili possono essere presenti ma non devono essere predominanti. I sapori di amarezza e luppolo sono generalmente bassi. Diacetilico da molto basso a nessuno.
1.055 – 1.065 1.008 – 1.015 5,0 – 6,5%.
 128
Mouthfeel: La carbonazione media-alta migliora la percezione dell’aroma. Il corpo è generalmente da basso a medio e una certa acidità può contribuire ad una maggiore percezione di secchezza. Esempi forti possono mostrare un po ‘di riscaldamento, ma senza essere caldo o solvente.
Storia: prodotta da molte birrerie artigianali italiane negli ultimi anni, rappresenta una comunione tra birra e vino promossa alla grande disponibilità locale di varie varietà di uva in tutto il paese. Possono essere espressione di territorio, biodiversità e creatività del produttore. Normalmente considerato birra di specialità nell’ambito dei prodotti della birreria.
Ingredienti: Pils o malto di base pallido con alcuni additivi (se esistenti) o malti speciali. Il contenuto di uve può rappresentare fino al 40% di tutta la frantumazione. Il mosto d’uva o seba (a volte bollito prima dell’uso) può essere utilizzato in diverse fasi: bollire, fermentazione primaria / secondaria o invecchiamento. Il lievito di vino può mostrare un carattere neutro (più comune) o un profilo fruttato (ceppi di origine inglese e belga). Un’ampia gamma di varietà di luppolo può essere usata in quantità ridotte per non caratterizzare eccessivamente la birra.
Statistiche vitali: OG: 1.043 – 1.090 IBUs: 10 – 30 FG: 1.007 – 1.015 SRM: 5-30 ABV: 4.8-10%
Esempi commerciali: Montegioco Tibir, Montegioco Open Mind, Birranova Moscata, LoverBeer BeerBera, Loverbeer D’uvaBeer, Birra del Borgo Equilibrista, Barley BB10, Barley BBevò, Cudera, Pasturana Filare !, Gedeone PerBacco! Toccalmatto Jadis, Rocca dei Conti Tarì Giacchè.

Parliamo dunque di un birra molto volubile come ricetta, si parla di malti base come il Pils con aggiunta di qualche malto speciale che dia un pò più di corpo ma non aggiunga gusti troppo caramellati o altro.

L’ utilizzo del mosto d’uva è soggettivo, si possono utilizzare mosti di uve bianche o rosse a seconda di che fragranze e oromi si vogliono dare alla propria birra.. Solitamente però queste note fruttate non devono sopraffare troppo quelle derivanti dai malti e dai luppoli, infatti le percentuali di inoculo sono inferiori del 40% dell’ intera massa fermentabile.

I tempi di inoculo possono essere svariati, alcuni birrifici aggiungono il mosto d’uva  fresco o concentrato direttamente nelle ultime fasi di bollitura o durante la fase di fermentazione. La scelta dei lieviti anche qui può essere varia, infatti possono essere utilizzati lieviti prettamente per birre ad alta fermentazione o lieviti specializzati per le uve. I tempi di fermentazione sono lunghi, solitamente superiore ad un anno, dove il mosto viene lasciato fermentare in bottiglia o in botti di legno per permettergli di prendere una nota vigorosa.

Consigliamo a tutti di provare ad assaggiare queste birre che si distinguono da tutto il mondo della birra… e Salute!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: